Attualità e news

Approfondimenti sulle tematiche più attuali
HIV

10 novembre 2017

In Italia l'Aids si cura male: 1 sieropositivo su 3 non sa di esserlo

Per l'Aids la situazione in Italia non va affatto bene, soprattutto in termini di cure, visto che, come hanno sottolineato gli esperti sull'argomento, 1 sieropositivo su 3 non sa neanche di esserlo. Ci vorrebbe maggiore consapevolezza sulla malattia, unica arma efficace per la prevenzione, per evitare i rischi e per affrontare in maniera efficace le opportunità terapeutiche a disposizione dei pazienti. Qualche passo sembra che si stia facendo anche nel nostro paese; infatti, si sta cercando di promuovere il test sulla popolazione e proprio per questo è stato approvato, dalla Conferenza Stato – Regioni, un apposito Documento di consenso che afferma la necessità di eseguire il test. Il Documento specifica come deve essere eseguito l'esame ed i possibili destinatari del test, scegliendo i più sensibili. In questo modo si spera che verrà incentivata l'esecuzione del test e quindi una tempestività in termini di accesso alle cure.

HIV

3 novembre 2017

Stato-Regioni approva il nuovo Piano Nazionale AIDS

La Conferenza Stato Regioni ha approvato oggi il "Piano Nazionale di interventi contro l'HIV e AIDS". Sono stati definitivamente approvati inoltre i riparti tra le Regioni delle disponibilità finanziarie per il Servizio Sanitario Nazionale per l'anno 2017 e le quote vincolate alla realizzazione degli obiettivi del Piano Sanitario Nazionale per l'anno 2017. Intesa raggiunta anche sul riparto della somma prevista per la riqualificazione e ammodernamento tecnologico dei servizi di radioterapia oncologica di ultima generazione nelle Regioni del Mezzogiorno.

HIV

27 ottobre 2017

Sono i cinquantenni i più colpiti dal virus dell'Aids

Un caso su sei, di quelli diagnosticati negli ultimi anni in Europa, riguarda soprattutto i cinquantenni. Un cambio di tendenza rispetto al passato. Quando l’Aids ha cominciato a far parlare di sé, all'inizio degli anni Ottanta, interessava soprattutto persone giovani. Prima i gay, poi i tossicodipendenti da eroina ed infine gli eterosessuali. Oggi il contagio avviene soprattutto attraverso i rapporti eterosessuali, omosessuali, ma anche con l'uso di droghe iniettabili, come certificato dall'European Surveillance System che ha analizzato, dal 2004 al 2015, i dati di oltre 50 mila persone dell'area economica europea.

HIV

20 ottobre 2017

Fondo AIDS, salvate 22 milioni di vite negli ultimi diciassette anni.

Solo 17 anni fa l'avanzata di Aids-Hiv, tubercolosi e malaria sembrava inarrestabile a livello globale, con intere generazioni cancellate. Poi si è invertita la tendenza ed ora si guarda, nonostante le cifre di morti e malati davvero enormi, alla possibilità della fine di queste epidemie come parte dell'Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile. È scritto al terzo punto del terzo Obiettivo dei Sustainable Development Goals: Entro il 2030, porre fine alle epidemie di AIDS, tubercolosi, malaria e malattie tropicali trascurate e combattere l'epatite, le malattie legate all'uso dell'acqua e altre malattie trasmissibili. L'Italia, che aveva sospeso le erogazioni, è tornata a finanziare il Fondo l'anno scorso con 140 milioni, triennio 2017-2019, con un incremento proporzionalmente più forte degli altri Paesi.

> vedi tutte le notizie

Linee guida

principali linee guida